CONDIVIDI
Kung Fury trash
Cosa ha caratterizzato i film degli anni 80? Le arti marziali, i dinosauri, la realtà virtuale e improbabili viaggi nel tempo sono alcune, forse le più incisive, fantasie della cultura pop nel periodo forse più delirante del XIX secolo. Beh, Kung Fury le ha prese tutte, mischiandole ad una trama improbabile, effetti da VHS e grafica a 16bit. Il risultato? Una trashata no sense che, come il brutto anatroccolo riesce a diventare meravigliosa.

Kung Fury trashKung Fury NON è un film degli anni 80, anche se sa travestirsi molto bene, è una produzione di laser arriva dalla Svezia, che ci ha donato, tra le altre cose, quelle perle rare di Iron Sky 1 e 2. Il film è stato interamente realizzato in crowfunding, con la cifra base di 200.000$ raggiunta in appena 24 ore (la cifra finale, dopo un mese, sarà di 630.000$). C’è chi ha donato pochi dollari, ottenendo al massimo un dvd omaggio in segno di ringraziamento e chi con offerte un po’ più sostanziose è apparso nei titoli di coda. Qualcuno ha anche fatto la pazzia di donare 10.000$ prendendosi la soddisfazione di interpretare il partner del protagonista (il tizio che muore subito anche se non è nero).

La trama si racconta in pochissime parole: un poliziotto di Miami scopre di essere il prescelto nella via del Kung Fu e usa il suo dono per sconfiggere i cattivi (Adolf Hitler compreso). Il tutto condito da dinosauri, viaggi nel tempo, un videogioco arcade impazzito e due vichinghe sexy equipaggiate con armi pesanti, per 30 minuti di autentica follia ignorante. Praticamente il meme dei film. A proposito, se interessati potete scaricare liberamente gli sticker per facebook creati dall’artista Ferry Gouw.

sequel di kung fury

Alcuni rumors parlavano della possibilità di un sequel già da questa estate, ed infatti sul sito ufficiale è apparsa un a scenografia misteriosa… Beh, con il successo che ha avuto il film, la cosa non sorprende affatto, anche se ancora la Laser Unicorn non ha annunciato la data di rilascio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteHonor 7X, un medio di gamma con display curvo a 18:9
Prossimo articoloOnePlus raccoglie dati personali degli utenti
Serena Tecce ha 29 anni e una passione sfegatata per i vecchi film e cartoni animati anni 80 e 90, per i fumetti di qualità, il cosplay e i bulldog francesi (ma anche i carlini, suvvia!). Attualmente passa molto tempo a cercare di laurearsi, a scrivere articoli su tech-hardware nella sezione spettacolo e a cercare di portare a casa la pagnotta. Nel tempo libero cerca di andare avanti coi suoi mille cosplay. Qualche volta dorme pure!

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui