CONDIVIDI
Bentrovati a questa nuova, piccola riflessione: stavolta riguardo il cinema. Ha veramente ancora senso spendere i soldi del biglietto? Cosa possiamo avere al cinema che a casa ci è negato? Cerchiamo di analizzare insieme la situazione, tralasciando le ovvie considerazioni riguardo le emozioni che il cinema può dare, magari trascorrendo una splendida serata con la vostra fidanzata. Questa analisi sarà incentrata in maniera pragmatica sull’esperienza di “vedere un film”, null’altro.  

Sicuramente la risposta a questa domanda 10 anni fa sarebbe stata ovvia: vedere un film al cinema è molto più emozionante che vederlo in casa. Una bella televisione costava quanto una macchina ed un impianto stereo anche solo 5.1 era considerato un oggetto di lusso. Con il passare del tempo però i costi si sono ridotti in maniera esponenziale, e siamo giunti al periodo storico nel quale con anche solo 1000€ è possibile costruirsi in casa una sala cinema di tutto rispetto. Dunque quale è il senso di uscire di casa ed andare al cinema? Cerchiamo di analizzare punto per punto la questione.

La qualità visiva

A meno che voi non siate dei falchi, non godrete mai a pieno della risoluzione effettiva della pellicola. Anche essere miopi di mezzo punto vi riporterà quell’effetto blur sfocato che non vi farà mai godere pienamente del film. A casa d’altro canto essendo le distanze calcolate in maniera precisa, riuscirete a posizionarvi ad una distanza tale da poter distinguere precisamente i dettagli dell’immagine, senza comunque notare i pixel. Non dimentichiamoci poi di come al cinema la migliore esperienza la avranno coloro posizionati al centro, per gli altri non sarà esattamente il massimo della goduria.
Tra l’altro da non sottovalutare è la possibilità sulle TV di ultima generazione ( ma neanche tanto ) di attivare l’impostazione “ultra smooth motion” ( su Hisense si chiama così ma il nome più o meno è quello ), che altro non fa che aumentare la fluidità dei fotogrammi. Un film infatti in media è registrato a 24fps: grazie a questa interpolazione di fotogrammi potremmo gustarcelo a 60fps. Per alcuni questo effetto “soap opera” è orrendo, per altri ( fra cui me ) l’esperienza è invece decisamente più soddisfacente.

La qualità audio

Qui la differenza è veramente tanta. Buona fortuna a guardare un film in una sala cinema che non sia calibrata al millimetro. Comunque anche in tal caso è impensabile riuscire a riportare la stessa esperienza di ascolto ad ognuno presente nella sala, essendo ogni spettatore posizionato in un punto dello spazio differente.
Nell’ultimo periodo stanno sviluppando altre tecnologie per aumentare la tridimensionalità del suono ( vedi Dolby Atmos ), che però in Italia non sono esattamente semplici da trovare, ed è meglio non farcisi troppo la bocca se non abitate vicino grosse metropoli.
In casa invece potrete calcolare esattamente dove collocare le casse, così da provare un’esperienza di ascolto veramente ai massimi livelli. Certo è da calcolare un poco di effetto eco dato dai muri, ma la godibilità è sicuramente garantita.

La comodità

Ci sarebbe da parlarne anche? Gente che urla, telefoni che squillano, cafoni che sgranocchiano pop corn neanche non mangiassero da settimane. Diciamocelo, un buon comodo divano a casa propria è sicuramente molto meglio. Tra l’altro non saremmo legati a pause e pubblicità, avremo il pieno controllo del film, e potremmo persino rivedere dialoghi o qualsiasi altra cosa ci vada di fare.
Quante volte in una scena particolarmente silenziosa e toccante abbiamo sentito: “Ao nun te magna tutti i popcornee”. Beh non è proprio il miglior modo di godersi un film, diciamocelo. La fortuna di trovare una sala quasi vuota è riservata ad orari improponibili, film veramente di nicchia o pellicole oramai al loro tramonto. Vade retro andare a vedere film di supereroi al cinema, e penso tutti sappiamo il perché: maree di adolescenti il cui intento non è assolutamente guardare il film ma divertirsi, con ovvie conseguenze per chi invece vorrebbe gustarselo.

Le anteprime

E questo è uno dei grandi motivi per il quale i cinema ancora esistono. Prima di essere rilasciati su copie fisiche, le pellicole hanno quel periodo di esclusiva nelle sale, e molti non riescono ad attendere ( talvolta anche mesi ) per gustarselo sul divano di casa propria. Quindi da questo punto di vista il cinema vince in pieno, permettendo alle persone di vedere in anteprima un film che magari attendono da anni.

Il prezzo

E qui oggettivamente bisogna fare una riflessione. Per molti spendere 1000€ per un Home Cinema non sono bazzecole, ed un cinema è sicuramente un’alternativa economica al “televisoretto di casa”. Tra l’altro anche il costo dei DVD non è propriamente basso, essendo arrivati alcuni a costare anche 30€ l’uno. Decisamente una cifra sconsiderata per vedersi un film, poco da aggiungere. Certo è che servizi di streaming come Netflix stanno migliorando la situazione, anche se il costo dei DVD non accenna a scendere, anzi.

Conclusioni

Dunque ricapitolando: il cinema non può competere assolutamente con un buon impianto posizionato a casa propria. Nel caso quindi è un po’ che state riflettendo se ne valga la pena la risposta è un grande e deciso

La qualità visiva, la qualità sonora, il fatto di stare comodi e senza distrazioni, poter cogliere ogni singola sfaccettatura del film… tutto questo è inarrivabile da una sala cinema tradizionale.
D’altro canto invece se siete con la vostra donna ed avete voglia di trascorrere una serata diversa, magari in una fredda serata invernale, non fatevi problemi a vedervi un film al cinema. Magari non godrete a pieno della pellicola, ma sicuramente trascorrerete una bella serata in compagnia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui